Libro GialloSvezia: Racconti inediti dei maestri del giallo svedese PDF

12 de octubre de 2014
Stieg Larsson, Henning Mankell, Åsa Larsson e altri: un Natale in giallo con i migliori autori di crime svedesi. Una scelta di straordinarie storie da brivido, tutte inedite, che la critica non ha esitato a definire «una pietra miliare» nel panorama della letteratura di genere. Una raccolta che svela il lato oscuro della Svezia e scava tra le ombre più profonde di questo luogo seducente, a riprova del perché il giallo nordico ha stregato milioni di lettori nel mondo per decenni. I successi editoriali degli ultimi anni hanno mostrato al mondo l’eccellenza del giallo scandinavo, con autori che si sono imposti sulla scena internazionale con i loro personaggi, il sorprendente realismo, il contrasto seducente tra un’immagine quasi idilliaca di quiete e benessere e l’efferatezza di crimini incomprensibili. Dalle suggestive atmosfere di un nord selvaggio degli inizi del secolo scorso di Åsa Larsson alla fantascienza di un giovanissimo Stieg Larsson, questa raccolta di storie inedite di alcuni dei maggiori scrittori nordici di suspense fornisce un prezioso sguardo d’insieme sul giallo svedese. Dalla narrazione più classica di Sjöwall e Wahlöö al delizioso metaracconto di due maestri come Henning Mankell e Håkan Nesser - che ci accompagnano in una strana notte nella vita dei loro due più famosi protagonisti -, fino alla vena mistica di Tove Alsterdal e alla magia dell’isola di Öland raccontata da Johan Theorin, troviamo in queste pagine tutte le sfumature del genere. Autori noti e autori da scoprire compongono una raccolta che svela il lato oscuro della Svezia con le sue ombre più profonde, a riprova del perché il giallo nordico ha stregato milioni di lettori nel mondo. «Una magnifica raccolta del migliore e più nero noir nordico, con Stieg Larsson come ciliegina sulla torta» (Camilla Läckberg)

Información

Publicado: 12 de octubre de 2014
Editorial: Marsilio Editori spa
ISBN: 9788831738781
Idioma: Italiano
Nº de páginas: 384

Åsa Larsson

John-Henri Holmberg scrittore, traduttore, editore, è stato per trent'anni amico tra i più intimi di Stieg Larsson, con il quale ha condiviso discussioni sulla politica e sulla letteratura. Ha pubblicato con Sonzogno nel 2012 I segreti della ragazza col tatuaggio, una lettura irrinunciabile per chi ha amato la trilogia Millennium e un contributo essenziale alla scoperta del mondo creato da Larsson.


Åsa Larsson è nata a Kiruna nel 1966. Avvocato fiscalista, è autrice della serie di gialli che ha per protagonista l’avvocato Rebecka Martinsson, di cui Marsilio ha già pubblicato Tempesta solare e Il sangue versato, premiati entrambi dall’Accademia svedese del Poliziesco. Dal primo libro della serie è stato tratto un film. La serie, tradotta in dieci lingue, ha venduto nel mondo un milione di copie.


Stieg Larsson (1954-204), è stato giornalista e massimo esperto dei Movimenti di estrema destra, consulente del ministero di Giustizia svedese e di Scotland Yard. Nel 1995, dopo l'omicidio di cinque ragazzi a Stoccolma per mano di estremisti di destra, fondò la rivista EXPO, con intenti antirazzisti. Stieg Larsson riteneva di avere una missione: sempre impegnato in prima linea contro razzismo, antisemitismo, fascismo, movimenti nazionalisti, discriminazioni, abusi contro le donne, si identificava totalmente con il proprio lavoro. Bersaglio di gruppi neonazisti, visse per anni protetto dalla polizia, costretto a tenere segreta la propria abitazione e a modificare quotidianamente i suoi tragitti. E' morto improvvisamente nel 2004, quando aveva appena concluso la sua trilogia: Uomini che odiano le donne, vincitore del Glass Key, La ragazza che giocava con il fuoco, premio dell’Accademia svedese del Poliziesco, e La regina dei castelli di carta.


Henning Mankell (1948-2015) è tradotto in più di quaranta lingue e ha venduto nel mondo oltre quaranta milioni di copie dei suoi libri. Di recente, l’ispettore Wallander ha conosciuto ulteriore fama grazie alla serie televisiva prodotta dalla BBC, con Kenneth Branagh protagonista. In Italia, la serie di Wallander, dieci episodi, è interamente pubblicata da Marsilio, ora in tascabile. Nel catalogo Marsilio, anche la biografia Mankell (su) Mankell di Kirsten Jacobsen.


Magnus Montelius (1965), cresciuto in un ambiente diplomatico svedese legato all'Unione Sovietica, ha lavorato come consulente per l’ambiente nei Balcani e nelle vecchie repubbliche sovietiche. L’inganno del passato segna il suo esordio come scrittore, un libro che alla sua uscita è stata la grande sorpresa per critici, librai e lettori svedesi, e subito venduto in diversi paesi stranieri. Dopo aver vissuto in Africa e America Latina, Montelius è tornato (per ora) a Stoccolma.


Giornalista e drammaturga, Tove Alsterdal ha pubblicato il suo romanzo d’esordio nel 2009. La scrittura di Tove Alsterdal è caratterizzata da un’attenta indagine psicologica e dalla cura nella descrizione degli ambienti che conosce e ama ricreare sulla pagina. Elementi mistici o apparentemente inspiegabili compaiono spesso nella sua opera e uno dei suoi punti di forza è la capacità di lasciare ai lettori la libertà di interpretarli, come accade anche nella storia di questa rimpatriata tra amiche.


Rolf e Cilla Börjlind hanno lavorato insieme o individualmente come sceneggiatori a quasi cinquanta film, per lo più storie di crimini realizzate per la televisione. Nessun altro scrittore svedese di genere ha mai raggiunto un pubblico così vasto come quello di Rolf e Cilla Börjlind, a prescindere dal numero di bestseller.


Rolf e Cilla Börjlind hanno lavorato insieme o individualmente come sceneggiatori a quasi cinquanta film, per lo più storie di crimini realizzate per la televisione. Nessun altro scrittore svedese di genere ha mai raggiunto un pubblico così vasto come quello di Rolf e Cilla Börjlind, a prescindere dal numero di bestseller.


Åke Edwardson è autore della serie di Erik Winter, ha scritto un thriller psicologico, studi di personaggi ambientati nella spopolata campagna svedese, alcuni racconti. Delle sue opere è sempre stata lodata la perfezione stilistica, la capacità di introspezione psicologica e la resa drammatica.


I romanzi di Inger Frimansson non hanno un protagonista ricorrente, anche se in qualche modo sono tutti legati tra loro. L’autrice sta creando gradualmente quella che chiama “la terra di Frimansson”: un mondo fittizio in cui i personaggi interagiscono modificando il corso degli eventi. Alcuni dei suoi romanzi sono considerati dei gialli psicologici, altri piuttosto dei ritratti psicologici, ma la linea che li distingue è fluida e difficile da stabilire: in ognuno compare un rimando al lato oscuro di ogni essere umano, al male che ci procuriamo vicendevolmente e alle sue conseguenze.


Eva Gabrielsson è stata compagna di Stieg Larsson, celebre autore della trilogia Millennium (Uomini che odiano le donne, La ragazza che giocava con il fuoco, e La regina dei castelli di carta). La vicenda seguita alla morte di Larsson (2004), e la sua esclusione tra gli eredi legittimi ha destato molto scalpore, accendendo i riflettori sul riconoscimento giuridico delle convivenze in Svezia e nel resto d'Europa. E' coautrice con Gunnar Sydow di "Conviventi, più soli di quanto si pensi" (Sambo - ensammare änd u tror), pubblicato in Svezia. Sta lottando perché le vengano riconosciuti almeno i diritti morali sulle opere di Stieg Larsson, compagno di vita per trentadue anni.


Anna Jansson è nata e cresciuta a Visby. Importante centro commerciale nel medioevo, la città fu fondata nel decimo secolo sull'isola di Gotland, nel mar Baltico, a est della costa svedese e dell’isola molto più piccola di Öland. In Svezia, Anna Jansson è tra le scrittrici di gialli più note. Alcuni dei suoi romanzi sono stati adattati a film per cinema e televisione


Håkan Nesser ha scritto la serie di Van Veeteren e altri romanzi con l’ispettore di origine italiana Gunnar Barbarotti. Ha vinto più volte il Premio per il miglior giallo dell’Accademia svedese del poliziesco.


Dag Öhrlund ha lavorato per molti anni come giornalista, saggista e fotografo, prima di dedicarsi alla letteratura. Scrive storie che potrebbero essere definite hard-boiled che hanno come protagonista l’ispettore Jacob Colt.


Malin Persson Giolito può essere considerata l’unica giallista svedese di seconda generazione. Suo padre infatti è il noto criminologo Leif GW Persson, uno dei più grandi giallisti svedesi. E' una narratrice profondamente interessata a temi come l’abuso di potere, i pregiudizi dei media contro gli imputati e la distorsione della legge per ragioni politiche.


Per più di trent'anni Maj Sjöwall e Per Wahlöö sono stati indiscutibilmente i più conosciuti, i più acclamati e i più letti giallisti svedesi. I loro romanzi, pubblicati in Svezia fra il 1965 e il 1975, sono stati tradotti in tutto il mondo e hanno vinto numerosi premi, compreso l'Edgar Allan Poe Award. In Svezia la loro storia d’amore, iniziata di fatto come uno scandalo pubblico, divenne oggetto d’invidia e quasi una leggenda, perché i due erano inseparabili.


Per più di trent'anni Maj Sjöwall e Per Wahlöö sono stati indiscutibilmente i più conosciuti, i più acclamati e i più letti giallisti svedesi. I loro romanzi, pubblicati in Svezia fra il 1965 e il 1975, sono stati tradotti in tutto il mondo e hanno vinto numerosi premi, compreso l'Edgar Allan Poe Award. In Svezia la loro storia d’amore, iniziata di fatto come uno scandalo pubblico, divenne oggetto d’invidia e quasi una leggenda, perché i due erano inseparabili.


I romanzi e le opere teatrali di Sara Stridsberg trattano di donne straordinarie e ne esplorano la personalità e i conflitti.


Johan Theorin è giornalista e scrittore. È nato a Göteborg ed è cresciuto a Bergslagen, una contea mineraria scarsamente popolata. Sin dall'infanzia ha trascorso l’estate in un cottage vicino a una collina sepolcrale nel nord di Öland, un’isola lunga e stretta, 1347 chilometri quadrati nel mar Baltico, a meno di cinque chilometri dalla costa orientale della Svezia. Su quest’isola è ambientata la maggior parte delle sue storie


Veronica von Schenck rappresenta quasi un anacronismo fra gli attuali giallisti svedesi, dato che il suo personaggio preferito è Sherlock Holmes e il suo scrittore preferito Arthur Conan Doyle. Affascinata dalle trame intricate, nei suoi romanzi inserisce indizi che permettono ai lettori di anticipare le mosse dei protagonisti, tirando poi le fila della storia. È arrivata alla scrittura dopo altre occupazioni: è stata live gamer, tester di videogiochi, redattrice di una rivista di informatica e di una dedicata agli eventi nella capitale e consulente di un’agenzia del lavoro, una professione a cui si dedica ancora, part-time, insieme alla scrittura.


Katarina Wennstam è giornalista e scrittrice. Nata e cresciuta a Göteborg, attualmente vive a Stoccolma. Per alcuni anni si è occupata di cronaca nera per la televisione di stato svedese, ma dal 2007 lavora a tempo pieno come scrittrice. Come per molti altri giallisti svedesi, la sua opera trae spunto dagli attuali problemi sociali. I suoi romanzi e racconti trattano della violenza sulle donne, dell’omofobia e dell’intolleranza in genere.